La Storia

bandarotta fraudolenta

La Storia

Correva l’anno 1998 e… il presidente USA, Bill Clinton, confessa il sexgate; Giovanni Paolo II compie uno storico viaggio a Cuba; il dittatore Pinochet viene arrestato a Londra; si disputano i mondiali in Francia; nasce Google; il premio nobel per la letteratura va a Josè Saramago; un fiume di fango investe Sarno; muore prematuramente Lucio Battisti; Marco Pantani vince il Giro d`Italia; escono nelle sale cinematografiche: Titanic, The Truman Show, Salvate il soldato Ryan e, in Italia, Monella; nasce la Bandarotta Fraudolenta. Eh si, anche noi nel nostro piccolo siamo nella storia, perché la storia siamo noi, come dice il poeta. bandarotta fraudolentaVent’anni di (dis)onorata carriera impiegati nel comprendere cosa stessimo suonando, riuscendo nell’epica impresa di non capirlo comunque; vent’anni consumati in km di strade di ogni genere; vent’anni trascorsi a ridere di noi stessi con tutti gli altri e a ridere di tutti gli altri con noi stessi; vent’anni volati via come l’infinità di note musicali che hanno inondato piazze, strade, lungomari, viali e vicoli ciechi di mezz’Italia; vent’anni segnati sui nostri volti e sui nostri corpi ma che non hanno intaccato il nostro spirito (di patata). Vent’anni sono un traguardo e ci è sembrato giusto festeggiarli. Non ci siamo arrivati tutti insieme a questa meta, uno lo abbiamo perso per strada ma solo fisicamente perché in realtà Carlo, il nostro trombone lucano, è dentro a ognuno dei nostri strumenti e ogni volta che questi vibrano, più o meno all’unisono, balza fuori come il genio della lampada e con le mani che gli comprimono le orecchie ci urla: “Aooo, ancora non avete imparato a suonare!” .